Archivi categoria: Investire in Svizzera

Evasione-all-estero-perche-non-siamo-riusciti-a-vincerla_h_partb

Delocalizzare in Ticino: cosa ci si guadagna

Delocalizzare azienda in Ticino

Burocrazia, forte pressione fiscale, economia in crisi: sono i motivi che spingono sempre più imprenditori lombardi a lasciare l’Italia per insediare le loro aziende in Ticino, destinazione ideale per prossimità geografica e culturale. Non a caso, la Regione Lombardia ha inviato a Roma una proposta di legge per l’istituzione di zone economiche speciali. Le ha volute il governatore Roberto Maroni proprio in virtù del confine con la Confederazione, per promuovere l’economia lombarda “e contrastare la delocalizzazione”.

Due imprenditori che hanno aperto filiali nel cantone  e uno che resiste al di là del confine hanno raccontato le loro esperienze a tvsvizzera.it. “Se mi trasferissi in Svizzera, il mio lavoro sarebbe più semplice e apprezzato“, dice il terzo.

 

Guarda le video interviste

Per una consulenza dettagliata puoi consultare MD SUISSE

 

 

 

sant_antonino_external_view

Inaugurata in Canton Ticino la più grande logistica del lusso

Qualità italiana, precisione svizzera: è questo il mix che sta alla base del nuovo centro di Sant’ Antonino, in Canton Ticino (Svizzera) che smista il made in italy (e oltre) in tutto il mondo. 
Luxury Goods International ha infatti inaugurato il 18 giugno 2014, ufficialmente la nuova sede di Sant’Antonino. LGI gestisce la piattaforma distributiva e logistica di una serie di marchi dell’alta moda (Gucci, Bottega Veneta, Saint Laurent, Balenciaga, Alexander McQueen, McQ, Stella McCartney, Brioni e Tomas Maier) sotto l’egida di un nome che non è un marchio, ma è la vera potenza: la multinazionale francese Kering, che raduna decine di nomi prestigiosi, ed è guidata da quel Francois-Henri Pinault che i giornali di gossip conoscono come il marito di Salma Hayek, ma gli ambienti finanziari conoscono come colui che ha quasi monopolizzato il settore. Un lusso che viene ancora prodotto nelle case madri proprietarie dei vari marchi, come Yves Saint Laurent o Gucci, ma che viene mandato in tutti i negozi del mondo partendo dal Canton Ticino.

La struttura, con 20.000 m2 di superficie e 300.000 m3 di cubatura complessiva, non è solo uno dei fabbricati più grandi del Canton Ticino, ma anche uno dei poli logistici più grandi d’Europa: fino a 19 milioni di pezzi spediti all’anno, 2.300 colli preparati all’ora e spazio per 2 milioni di pezzi a stock

Il nuovo centro logistico di Sant’Antonino ha una vera e propria collezione di certificazioni: ottenute in ambito di Qualità (ISO9001), Ambiente (ISO14001), Sicurezza (OHSAS18001), Responsabilità Sociale (SA8000) oltre alla recente e molto rara certificazione LEED – l’ente di certificazione indipendente più rinomato a livello mondiale – come edificio conforme all’ambiente secondo i parametri stabiliti dalla U.S. Green Building Council. Sant’Antonino è il primo centro logistico nel settore del lusso ad aver ottenuto il livello Platino, il più elevato di questa certificazione.

670_400_1_85712_20130903_100403

Investire in Svizzera

In Svizzera il mercato immobiliare ha registrato negli ultimi decenni una crescita graduale. Entro certi limiti, anche gli stranieri possono diventare proprietari di un alloggio o di una residenza secondaria sul territorio elvetico.

Da un punto di vista pratico, investire in Svizzera può significare semplicemente comprare una casa d’abitazione o una casa di vacanza. Nel 2009, quando negli Stati uniti, in Gran Bretagna e in Spagna i prezzi delle case sono crollati, il mercato immobiliare svizzero ha registrato una crescita sopra la media.

Sempre più italiani comprano casa in Ticino e MD SUISSE è vicino a loro offrendo un servizio dedicato.

Un trend che gli addetti del settore non fanno fatica a confermare, e che non accenna a diminuire. La scelta di acquistare un immobile situato in una località ticinese va oltre quella di effettuare un investimento nell’universo del mattone. Lo spostamento non è più solo virtuale, come avveniva una volta. Sempre più persone si trasferiscono qui per viverci.

Una scelta di vita in qualche caso, un obbligo in molti altri. L’istituto Scenari Immobiliari, che ha fornito un quadro sull’acquisto di case all’estero da parte di cittadini italiani, spiega che la tendenza è spiegabile con la ricerca di immobili di pregio, che in Italia scarseggiano, e con le alte tassazioni sugli immobili imposte dagli enti locali e dal governo di Roma.

Chi viene in Ticino, non è a caccia dell’immobile lussuoso: lo si evince dai dati del mercato immobiliare. Si tratta proprio di una volontà di ripartire, lasciando alle spalle un mercato del lavoro asfittico e una tassazione elevatissima. Chi compra casa e si sposta in Svizzera, talvolta porta con sé la sua azienda.

La quota richiesta di capitale proprio per il finanziamento di un’abitazione di proprietà è di solito del 20%, ma può essere anche superiore. A ciò si aggiungono ulteriori costi legati all’acquisto e le tasse necessarie alla transazione e alla registrazione della proprietà.

Ulteriori informazioni le potrai trovare nella Guida di MD SUISSE